Analisi e considerazioni: Real Madrid-Barça 2-2.

Se il calcio è contrassegnato da eventi, da risultati, da attese,di certo la palma d’oro per tutto questo va sicuramente a Barcellona – Real Madrid. Mourinho dopo l’annata scorsa, dove i paragoni con il Barça erano all’ordine del giorno, nella quale è riuscito a strappare la Coppa del Re ma sostanzialmente soffrendo il gioco catalano, quest’anno vuole tutto, soprattutto far vedere che non sono inferiori al Barça. Tutto questo basta per essere motivati, per correre, per vincere,per acquisire una mentalità vincente ancora superiore, e perchè no una sorta di vendetta sul Barça. L’approccio mentale alla gara è il fiore all’occhiello di Mou, ma ieri sera nella fase inziale si è visto anche quanto conta il precampionato e i risultati di tale periodo nella testa dei giocatori: il Rela veniva da solo vittorie,il Barça da sole due vittorie.

Tutto parte in un periodo dove giocatori arrivano dalla Coppa America, da mercati frenetici, firme rapidissime, aspettative enormi da mantenere e pressioni ancor più enormi. Guardiola lascia fuori quattro elementi che nell’annata scorsa, e quelle precedenti, hanno fatto la fortuna del Barça come Puyol, Pique, Xavi,Busquets, ma poco conta visto che a sostituirli sono gente del calibro di  Mascherano, Abidal,Keita e l’immenso Alcantara. La nave Barça salpa a rilento. Il gioco non è lucido come sempre, non è veloce e a tratti confusionario.  Mou parte con tutti gli effettivi,lasciando in panca anche il nuovo acquisto Coentrao. Ma sin dai primi minuti si nota un Benzema in forma smagliante, e pensare che la stagione passata a Mou non attirava più di tanto.  Il Real si vedeva, molto veloce, intenso, pressione e le linee alte per sfruttare  le assenze di  Pique e Busquet.

Guardiola ha iniziato con un gioco un pò diverso dal solito, lanci lunghi a cercare Sanchez e Villa, quasi mai andati a buon fine. Mou aveva Benzema, che cerca prepotenmente il gol ma alla fine lo fa realizzare ad Özil con un bell’inserimento e un tocco che sembrva essere fatto con la mano per la facilità di esecuzione. Dopo il gol non c’era  reazione del Barça. Confusione e nient’altro. Errori nei passaggi e l’incapacità di superare efficacemente la pressione del Real Madrid.

All’improvviso però il Barça si è svegliato facendo vedere a tratti il suo gioco. Era un segno che la partita stava cambiando.Ma più che da parte del gioco quanto del risultato. Villa al primo tiro pesca un jolly immenso, un gol da cineteca, e proprio quando il Real era possessore del gioco indiscusso.  Dopo il pareggio Pep ha rallentato la crescita del Barca e ha deciso di  aspettare e limitare il numero di errori. Prima della pausa però esce in gioco un certo Messi, e dimostra che quella 10 sulle spalle non la tiene a caso. Khedira e Pepe lo vedono solo passare e andare in rete.. Due tiri, due gol, Barça avanti.

Nella seconda metà di  gioco  si riparte come la prima. Il Realnon ci stava ad essere di nuovo comprimario. La strategia è l’unica area in cui Mourinho è enormemente superiore. Coentrao subito buttato in campo per sfruttare la sua enorme qualità. Guardiola manda dentro  Xavi e Pique  in quattro minuti per cercare di riprendere il pallino del gioco come sempre. Mou doveva sfruttare meglio la loro assenza fino al 63′, non ci è riuscito al meglio. Xabi Alonso riporta all’improvviso tutto in parità, e per il Real non è niente di rubato, anzi.

Xavi e Pique  non hanno risolto del tutto i problemi  del Barça ieri sera, la squadra era ancora lontana dal suo gioco e il Real stava riprendendosi.Si è entrati nuovamente  in una fase in cui il Real Madrid ha mostrato maggiore determinazione. Le probabilità cadevano a favore del blancos. Al di là del risultato il Barça è stato il perdente perché  la squadra  era lontana dal suo calcio. L’anno scorso tutti avrebbero detto che il Real è riuscito a non perdere, quest hanno possiamo dire che il Barç è riuscito a non perdere  al Bernabeu pur giocando non come sa fare..

Nello Sprint finale il Real  Madrid era ancora migliore ma il punteggio non si è mosso, ed ora a parte tutte le analisi mercoledì c’è il secondo round al Camp Nou, e si assegnerà il primo titulo della stagione,alla fine è questo che conta.

Angelo Iervolino

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...